Trofie al pesto arricchito


Le trofie al pesto arricchito o trofie al pesto avvantaggiato sono un’antica ricetta ligure. Questo piatto, molto apprezzato, prevede l’aggiunta dei fagiolini e delle patate alla pasta al pesto alla genovese.

Affinché sia ancor più un piatto amato dai bambini (tutti sappiamo la difficoltà di farli mangiare un po’ di verdura) e per nostra comodità, ho deciso di non usare la pasta fresca ma di utilizzare delle trofie di piccole dimensioni già preparate da una importante azienda italiana. Il tempo di cottura, al di là di quello indicato dalla confezione, dipenderà dalla grandezza della pentola, dalla quantità d’acqua usata e dai gusti personali.

 

Ingredienti dosi per 2/3 persone

Mymistercook trofie al pesto arricchito 1

Trofiette 200 gr

patate 200 gr

fagiolini 150 gr

sale grosso q.b.

pesto alla genovese 50 gr

in alternativa 3 cubetti del nostro pesto alla genovese congelato

 

Preparazione delle trofie al pesto arricchito

Mymistercook trofie al pesto arricchito 2
 Dopo aver lavato e sbucciato le patate e averle messe in una ciotola d’acqua affinché non anneriscano, tagliarle a cubetti di circa un cm. Per i fagiolini, dopo averli puliti e spuntati, tagliarli della stessa lunghezza della pasta. La presentazione del piatto ci guadagnerà di molto.

 

Mymistercook trofie al pesto arricchito 3

Versare patate e fagiolini in una pentola in cui avevate già portato ad ebollizione l’acqua per cuocere la pasta. Aspettare che torni a bollire e aggiungere le trofie. Salare con due belle prese di sale grosso. Tenete presente che anche le verdure assorbiranno sale, quindi siate più generosi del solito.

 

Mymistercook trofie al pesto arricchito 4
Prelevate dalla pentola 3 o 4 cucchiai di acqua di cottura e versateli sul pesto (sia fresco che in cubetti) e amalgamate bene il composto. Alcuni in questa fase aggiungono una piccola noce di burro o un cucchiaio d’olio. Questa è la ricetta del pesto arricchito … quindi sentitevi pure liberi di sperimentare!

Mymistercook trofie al pesto arricchito 5
Mescolare di tanto in tanto e lentamente per non far attaccare la pasta ed evitare di sfaldare le patate. Per una buona cottura delle verdure occorrono dai 15 ai 18 minuti. Quando le trofie hanno raggiunto la cottura desiderata scolare il tutto e versare nel recipiente da portata (zuppiera o insalatiera).

Mymistercook-trofie-al-pesto-arricchito-7
Versarvi il pesto e aggiungete a piacere un po’ di parmigiano e/o di pecorino. Mescolate per far insaporire bene le trofie con il pesto e il formaggio fino a condire ogni trofia. Lasciar riposare un paio di minuti e servire con delle foglioline di basilico. Con queste dosi farete felici tre persone … se golose due.

 

Curiosità

Le trofie, come detto, sono originarie della Liguria e traggono il nome proprio dal dialetto ligure. Strufuggiâ o strofissià in dialetto genovese significa strofinare, dal movimento necessario, sul piano di lavoro, per arricciarle strisciando con le mani sulla pasta. Tuttavia, l’usanza di prepararle a mano oggi è meno diffusa e prevalgono sempre di più le preparazioni industriali che utilizzano macchinari. Questo, comunque, ha contribuito alla diffusione di quest’ottimo piatto.

 

Consigli

Se non vi piacciono i fagiolini o non siete riusciti a trovarli di buona qualità, non vi preoccupate. Potrete preparare le vostre trofie al pesto arricchito anche solo con dei cubetti di patate lesse. Non avete trovato le trofie? Per questo tipo di piatto vanno benissimo anche delle pennette rigate. Se amate il pesto alla genovese non vi stancate di sperimentare nuovi abbinamenti.

 


Lascia un commento

Un commento su “Trofie al pesto arricchito

  • MONICA LAZAZZERA

    Le proverò (se riesco) e le metterò alla prova facendole mangiare a mia cognata che è ligure 😉