Piadina romagnola

Mymistercook piadina romagnola

La piadina romagnola, o piada, è uno dei prodotti dell’Emilia-Romagna più famosi e apprezzati nel mondo. Si mangia al posto del pane o, con le più svariate farciture, come piatto unico.

Nella zona a sud della Romagna, verso Rimini, si usa fare la sfoglia della piadina più fine, mentre risalendo più a nord, verso Ravenna, viene lasciata un po’ più spessa. Nella ricetta tradizionale è preparata con lo strutto ma, talvolta, si prepara anche una versione più leggera utilizzando l’olio d’oliva.

 

Ingredienti dosi per 4 persone

Mymistercook piadina romagnolafarina tipo “0” 500 gr

strutto 75 gr

acqua tiepida 250 ml

sale 1 cucchiaino

bicarbonato di sodio 1/2 cucchiaino

 

 

Preparazione della piadina romagnola

Preparate la farina disposta a fontana e al centro mettete l’acqua tiepida, lo strutto (a temperatura ambiente), il sale e il bicarbonato. Iniziate a lavorare l’acqua e la farina al centro facendo attenzione di sciogliere bene lo strutto schiacciandolo dentro la mano. Incorporate via via il resto della farina senza lasciare grumi. Lavorate sulla spianatoia l’impasto finché sarà elastico e omogeneo. Infine, formate una palla che coprirete e lascerete riposare.

  Mymistercook piadina romagnola   Mymistercook piadina romagnola

 

Mymistercook piadina romagnola

 

Passati 30 minuti, dividete l’impasto in quattro parti uguali e formate delle palline lavorandolo brevemente. Fatele riposare ancora altri 30 minuti. Ogni pallina d’impasto, così ottenuta, sarà sufficiente per una piadina.

 

 

Mymistercook piadina romagnola

 

Stendete ogni piadina romagnola sulla spianatoia. Generalmente, le piade vengono cucinate su piastre di metallo o di materiale refrattario dette testi. Se usate una padella accertatevi che il diametro sia di 25-26 centimetri, in modo da non andare sui bordi.

 

 

Cuocete la piadina romagnola per pochi minuti per ogni parte, schiacciando le eventuali bolle che si potrebbero formare. Se preferite, potete anche bucherellare leggermente con la forchetta la piadina fin dall’inizio, per impedire la formazione di bolle e per farla cuocere meglio anche all’interno. E’ normale che, usando il bicarbonato, durante la cottura il colore tenderà ad ingiallire. Piuttosto, il colore da evitare in cottura è il nero.

Mymistercook piadina romagnola   Mymistercook piadina romagnola

  

Farciamo la piadina romagnola

Mymistercook piadina romagnola
Prepariamo gli ingredienti per una farcitura tradizionale delle 4 piadine:

prosciutto crudo di Modena 12 fette

squacquerone 400 gr

rucola 100 gr

 

 

Mymistercook piadina romagnola


Finite le piadine disponendo la farcitura su metà piadina e ripiegando su se stessa l’altra metà, fino ad avere una mezza luna. Se preferite, potete tagliarla ancora a metà o a spicchi. Provate questa ricetta e ve ne innamorerete. Buon appetito.

 

Curiosità

Con lo stesso impasto della piadina romagnola che avete appena preparato, si può fare il crescione romagnolo o cassone. La piadina, una volta stesa, viene farcita, ripiegata a metà, ben sigillata e cotta nello stesso modo visto sopra. Naturalmente, in questo caso, non dovete bucherellare l’impasto altrimenti fuoriuscirà il ripieno. Originariamente il ripieno era costituito da erba crescione (da cui prende il nome), adesso le versioni più diffuse sono quella con le bietole e quella con pomodoro e mozzarella.

 

Lascia un commento